Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Le donne sono sempre più fan del Super Bowl

2 minuti di lettura | Gennaio 2009

Il Super Bowl 2008 è stato il programma televisivo più visto dell'anno negli Stati Uniti ed è stato visto da un numero record di 97,5 milioni di persone, più di qualsiasi altro Super Bowl precedente. E, come previsto, il 42,9% di questi spettatori erano maschi dai 18 anni in su (45,8 milioni di spettatori). Tuttavia, secondo The Nielsen Company, anche 37,7 milioni di donne di età superiore ai 18 anni hanno seguito l'evento. Negli ultimi 10 anni, la percentuale di donne che guardano il Super Bowl tra i 18 e i 54 anni è aumentata dell'8%.

Nonostante la crescita del pubblico femminile, il 35% degli spot è ancora rivolto agli spettatori maschi. In effetti, durante la trasmissione del Super Bowl 2008, gli uomini sembrano aver apprezzato gli spot più delle donne.

Secondo Nielsen, circa il 25% di tutti gli spot è stato "più apprezzato" dagli uomini che dalle donne; circa il 7% è stato "più apprezzato" dalle donne che dagli uomini e il resto è stato "neutro". Anche durante le varie premiazioni di intrattenimento - dove presumibilmente gli inserzionisti compiono uno sforzo concertato per rivolgersi alle spettatrici - queste proporzioni sono più o meno le stesse.

Gli spot più popolari tra gli spettatori maschili andati in onda durante il Super Bowl 2008 sono stati quelli di Bud Light, con la "capacità di sputare fuoco" e i cavernicoli, di Audi, con il tema del "Padrino", di Victoria's Secret, di GoDaddy.com e di Tide, con la "macchia parlante".

Tra gli spettatori femminili, gli spot più apprezzati sono stati quello di eTrade dedicato ai bambini, quello di T-Mobile con la star del basket Charles Barkley che annuncia di aver aggiunto il collega Dwayne Wade ai suoi "cinque" preferiti sul cellulare e quello di CareerBuilder.com, con una donna il cui cuore esce dal petto.

Al Tailgate... passate il vino?

Se i tifosi di football sono noti per il loro amore per la birra e le patatine fritte, i dati Nielsen suggeriscono che un numero maggiore di fan sta sviluppando un gusto per il vino. Infatti, nel 2007* i fan accaniti della NFL hanno speso il 14% in più per il vino rispetto al 2006, superando la crescita del vino negli Stati Uniti del 14%.

Inoltre, la spesa per i prodotti per la cura della pelle (che comprende, ma non solo, rimedi per l'acne, detergenti per il viso e lozioni per le mani e il corpo) da parte del tifoso medio appassionato della NFL è aumentata del 19% dal 2005 al 2007:

  • Nel 2007, i capifamiglia che si sono identificati come fan accaniti della NFL hanno acquistato 36,10 dollari di prodotti per la pelle, con un aumento di 2,30 dollari rispetto al 2006 e di 5,70 dollari rispetto al 2005. Le vendite totali della categoria hanno raggiunto 1,3 miliardi, con un aumento del 23% rispetto al 2006.
  • In generale, i fan accaniti della NFL hanno superato la spesa totale degli Stati Uniti per la cura della pelle del 74% dal 2005 al 2007.

*Ultimo database disponibile. I dati del 2008 saranno resi noti nel febbraio 2009

Leggete il rapporto completo di Nielsen prima del Super Bowl.