Passa al contenuto
Approfondimenti > Largo consumo e vendita al dettaglio

9 su 10 guarderanno il Super Bowl a casa; la maggior parte spenderà lo stesso o meno per cibo e bevande

3 minuti di lettura | Febbraio 2010

Secondo un nuovo sondaggio di The Nielsen Company, la grande maggioranza delle famiglie statunitensi (9 su 10) dichiara che guarderà il Super Bowl XLIV a casa o a casa di amici o parenti invece che al ristorante o al bar. E per la visione a casa, solo il 5% delle famiglie prevede di spendere di più in cibo e bevande per il Super Bowl di quest'anno.

"Rimanere a casa è la nuova 'serata fuori' e vediamo che questa tendenza continua a manifestarsi con il Super Bowl", ha dichiarato Nick Lake, vicepresidente, group client director, Beverage Alcohol di Nielsen. I consumatori continuano a contenere le spese e questa "nuova normalità", pur rappresentando una sfida per i proprietari di ristoranti e bar, offre opportunità per i rivenditori e i produttori di beni di consumo confezionati (CPG)".

piano superbowl

Il sondaggio condotto da Nielsen su oltre 28.000 famiglie statunitensi mostra anche che l'86% degli spettatori del Super Bowl prevede di spendere lo stesso importo o meno per cibo e bevande per il Super Bowl di quest'anno, mentre solo il 5% prevede di spendere di più.

superbowl-spesa

La birra e il Big Game

Sebbene la birra e il football siano passatempi americani popolari, il Super Bowl, un po' a sorpresa, non è la festa della birra più popolare. La ricerca di Nielsen mostra che il Super Bowl si colloca relativamente in fondo alla classifica delle vendite di birra nelle festività, dopo il 4 luglio, il Memorial Day, il Labor Day e Halloween.

Vendite di birra
Evento Vendite di 2 settimane (milioni di unità)
4 luglio 63.5
Giornata della Memoria 61.0
Festa del lavoro 60.2
Ringraziamento 52.8
Natale 52.8
Halloween 50.7
Super Bowl 49.2
Fonte: La società Nielsen

"La quantità più bassa di vendite di birra si registra nel primo trimestre dell'anno, per poi raggiungere il picco in estate", ha dichiarato Lake. "Tuttavia, il Super Bowl continua a essere un evento sempre più grande, in cui i consumatori bevono miliardi di porzioni di birra a casa. I commercianti di birra stanno approfittando di questa opportunità per spingere le vendite durante quello che di solito è un periodo più lento per gli acquisti di birra".

Il grocery è il grande vincitore

L'analisi di Nielsen mostra che, con l'eccezione della fine di marzo, i rivenditori di generi alimentari hanno registrato le settimane più importanti per le vendite di birra nel primo trimestre durante le due settimane che circondano il Super Bowl 2009, con quasi 17 milioni di casse vendute.

"La visione a casa del Super Bowl è prevalentemente un'opportunità per i negozi di alimentari, piuttosto che per altri rivenditori di prodotti di largo consumo", ha dichiarato Lake. "I consumatori di oggi vogliono il valore ma anche la convenienza. Mentre acquistano snack e bibite, aggiungono la birra al loro carrello. Nella settimana che precede il Super Bowl, si prevedono forti promozioni nei negozi di alimentari, per incoraggiare i consumatori ad approfittare dello sportello unico per le loro esigenze di festa del Super Bowl".

Non c'è calcio d'inizio senza spuntini

Gli spettatori del Super Bowl di tutto il Paese fanno rifornimento di snack per le feste a casa, quasi 166 milioni di chili di snack, soprattutto salati. Le patatine fritte regnano, con oltre 44 milioni di chili di snack venduti, mentre le tortilla chips e i pretzel sono anch'essi in cima alle vendite del Super Bowl. Lo snack del Super Bowl con la crescita maggiore? Il popcorn!

  Vendite in dollari (in milioni) Volume unitario equivalente

(milioni, base 16 once)

EQ Variazione % annua
TOTALE SNACKS $644.70 165.9 -3.3
SNACK - PATATINE $173.80 44.3 1.2
SNACK - TORTILLA CHIPS $135.90 39.1 -2.8
POPCORN - NON SCOPPIATI $39.30 15.8 -12.2
SNACK - PRETZEL $38.70 13.1 3.2
SNACK - FORMAGGIO SOFFIATO $36.80 8.9 2.4
SNACK - PATATINE DI MAIS $22.40 6.1 -8.1
POPCORN - SPUNTATO $8.50 1.8 32.3
TOTALE CRACKERS $185.00 56.4 -4.0
TOTALE NUTS $108.50 23.8 -12.2

Gli snack a marchio privato stanno guadagnando terreno

Nel "new normal", i consumatori provano più che mai prodotti a marchio privato o a marchio commerciale e questa tendenza vale anche per gli snack, che stanno guadagnando terreno. Ad esempio, durante le due settimane che hanno preceduto il Super Bowl nel 2007, gli snack a marchio privato hanno registrato una quota in dollari del 6,8 e una quota equivariata del 10,4. Nelle due settimane che hanno preceduto il Super Bowl del 2009, la quota in dollari è salita a 8,1 e quella equivalente a 12,5. Tendenze simili sono evidenti per i cracker a marchio privato, la frutta secca e la pizza surgelata.