Passa al contenuto
Approfondimenti > Sport e giochi

Le aperture dei Giochi Olimpici estivi attirano grandi folle e dollari pubblicitari

1 minuto di lettura | Luglio 2012

Con le Olimpiadi estive del 2012 che prenderanno il via questo venerdì con la cerimonia di apertura a Londra, Nielsen ha dato un'occhiata ai festeggiamenti degli anni passati per vedere come si sono svolti. Secondo l'analisi di Nielsen, tra i Giochi non statunitensi, la cerimonia di apertura dei Giochi di Pechino del 2008 ha ottenuto il maggior numero di telespettatori statunitensi: Il 18,8% delle famiglie televisive e 34,9 milioni di spettatori si sono sintonizzati. È interessante notare che gli americani sono molto più propensi a sintonizzarsi quando i Giochi si svolgono sul territorio nazionale. La cerimonia di apertura delle Olimpiadi più vista per percentuale di telespettatori statunitensi è stata quella del 1984, quando i Giochi si sono svolti a Los Angeles, mentre i Giochi di Atlanta del 1996 hanno attirato il maggior numero di telespettatori: circa 40 milioni.

Il costo medio di uno spot pubblicitario statunitense di 30 secondi durante la cerimonia di apertura delle Olimpiadi è aumentato costantemente nel corso degli anni, passando da 155.000 dollari nel 1988 a 320.000 dollari nel 2008. Queste cifre non sono state adeguate all'inflazione.

Cerimonie di apertura delle Olimpiadi estive: Uno sguardo storico agli spettatori statunitensi e ai costi pubblicitari

Sito Anno Rete Data Valutazione della famiglia Numero medio di spettatori Costo per :30 Spot*
Pechino 2008 NBC 8 agosto 18.8 34,902,000 $320,000
Atene 2004 NBC 13 agosto 14.6 25,384,000 $340,000
Sydney 2000 NBC 15 settembre 16.2 27,272,000 $275,000
Atlanta 1996 NBC 19 luglio 23.6 39,767,000 $250,000
Barcellona 1992 NBC 25 luglio 13.8 21,609,000 $168,300
Seoul 1988 NBC 17 settembre 15.2 22,685,000 $155,000
Los Angeles 1984 ABC 28 luglio 23.9 N/D N/D
Mosca 1980 Boicottaggio
Montreal 1976 ABC 17 luglio 11.1 13,870,000 N/D
Monaco di Baviera 1972 ABC 26 agosto 6.5 N/D N/D
Fonte: Nielsen

L'Household Rating è definito come la percentuale di famiglie televisive statunitensi che si sono sintonizzate in media.

*Le cifre rappresentano il costo di uno spot :30 all'epoca e non sono adeguate all'inflazione.

Per saperne di più sui costi degli annunci e sulle famiglie televisive.