Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

La musica in streaming fa presa sui consumatori

2 minuti di lettura | Giugno 2013

Dai notiziari locali in diretta via cellulare ai finali di stagione spostati nel salotto di casa, l'ondata crescente di contenuti in streaming continua a coinvolgere i nostri occhi e le nostre orecchie. E la musica digitale svolge un ruolo importante in questa ondata, facendo battere le dita dei piedi e facendo battere le teste.

Con quasi 22 miliardi di brani ascoltati in streaming quest'anno negli Stati Uniti, secondo Nielsen, i consumatori si stanno impegnando con la musica digitale a tassi sempre più elevati.

Sebbene esista una pletora di opzioni per lo streaming di canzoni, la maggior parte dei possessori di dispositivi connessi ascolta con lo smartphone. Gli ascoltatori di tutte le età, eccetto quelli di età superiore ai 55 anni, hanno indicato gli smartphone come il loro dispositivo preferito per lo streaming dei dolci suoni della radio. Lo studio Nielsen del primo trimestre 2013 sui possessori di dispositivi connessi negli Stati Uniti ha rilevato che i possessori di dispositivi di età compresa tra i 25 e i 34 anni e tra i 18 e i 24 anni sono i più propensi ad ascoltare in streaming i brani della radio utilizzando i loro smartphone (rispettivamente 27% e 26%), mentre i consumatori di età superiore ai 55 anni optano per i computer portatili (14%).

Quando si tratta di scaricare musica, tuttavia, i consumatori preferiscono i computer portatili, grazie alle loro maggiori capacità di memorizzazione.

Infatti, quasi la metà degli americani di età compresa tra i 18 e i 24 anni che possiedono un dispositivo connesso preferisce un computer portatile per scaricare musica (47%). Anche gli adolescenti più volubili dal punto di vista tecnologico sono altrettanto propensi a scegliere un computer portatile per scaricare musica (27%) che uno smartphone (28%).

file
file

I possessori di smartphone negli Stati Uniti utilizzano le applicazioni radiofoniche più di quanto non facessero un anno fa. Un'analisi dell'aprile 2013 di cinque delle applicazioni di streaming musicale oggi probabilmente indispensabili ha rilevato una crescita a due o tre cifre degli utenti unici nell'ultimo anno.

Tutte le app del gruppo selezionato sono cresciute in popolarità, ma l'app iheartradio ha registrato l'incremento maggiore, in quanto il numero di utenti nell'aprile 2013 è più che raddoppiato rispetto all'anno precedente (aumento del 107% degli utenti). Spotify, che ha guadagnato costantemente terreno negli Stati Uniti dopo il suo lancio nel luglio 2011, ha seguito con un aumento del 91% degli utenti dell'app rispetto ad aprile 2012. Anche le altre app analizzate hanno registrato una forte crescita rispetto all'anno precedente: Slacker Radio (84%), Pandora (71%) e Rhapsody (41%).

Inoltre, l'app radio Pandora è piuttosto popolare tra gli utenti delle altre app radio analizzate. Circa un terzo degli utenti delle altre app radio ha utilizzato Pandora durante il mese. Il 27% degli utenti dell'app Rhapsody ha utilizzato anche l'app Pandora.

Utilizzo di più applicazioni per lo streaming musicale

Tra i possessori di smartphone statunitensi di età superiore ai 18 anni, solo Android e iOS, aprile 2013

App per lo streaming musicale% di utenti che hanno utilizzato anche Pandora% di utenti che hanno usato anche Rhapsody% di utenti che hanno usato anche Slacker Radio% di utenti che hanno utilizzato anche Spotify% di utenti che hanno usato anche iheartradio
Pandora RadioN/D1.0%5.0%5.2%11.1%
Rapsodia26.5%N/D16.0%6.7%13.5%
Radio Slacker32.6%4.0%N/D4.0%8.4%
Spotify34.1%1.7%4.1%N/D10.0%
iheartradio32.0%1.5%3.8%4.4%N/D
Leggi come: Nel mese di aprile 2013, il 27% degli utenti dell'applicazione Rhapsody ha utilizzato anche l'applicazione radio Pandora.
Fonte: Nielsen

Per ulteriori informazioni sui consumatori di musica, scaricare il rapporto Nielsen sui consumatori di intrattenimento negli Stati Uniti.