Passa al contenuto
Approfondimenti > Sport e giochi

Non giudicare un libro dalla copertina: Gli adolescenti esperti di tecnologia restano fan dei libri stampati

3 minuti di lettura | Dicembre 2014

Con la rapida evoluzione della tecnologia e la costante presenza dei social media che cambiano il modo in cui i consumatori si relazionano con la parola scritta, non dovrebbe sorprendere che gli adolescenti di oggi trovino e consumino contenuti in modo diverso dalle generazioni precedenti. Ma mentre di solito associamo questi giovani consumatori all'adozione precoce di nuove tecnologie e piattaforme di contenuti digitali, le abitudini di lettura di chi ha tra i 13 e i 17 anni sono un mix di vecchio e nuovo.

Nonostante la reputazione di essere tecnologicamente esperti, gli adolescenti continuano a rimanere indietro rispetto agli adulti per quanto riguarda la lettura di e-book, anche se il genere young adult è in crescita digitale rispetto al mercato totale degli e-book. Mentre il 20% degli adolescenti acquista e-book, il 25% dei 30-44enni e il 23% dei 18-29enni acquistano copie digitali. Mentre i lettori più giovani sono aperti agli e-book come formato, gli adolescenti continuano a esprimere una preferenza per la carta stampata che può sembrare in contrasto con la loro percezione del know-how digitale.

Diversi fattori possono avere un ruolo nella tendenza degli adolescenti verso le pubblicazioni stampate. La preferenza dei genitori per la carta stampata potrebbe avere un effetto o la mancanza di carte di credito per gli acquisti online. Ma un'altra spiegazione potrebbe essere la propensione degli adolescenti a prendere in prestito e condividere i libri piuttosto che acquistarli, cosa che è più facile fare con la carta stampata. Più della metà degli adolescenti cerca ancora i libri sugli scaffali delle biblioteche o delle librerie. E per questo gruppo la navigazione nei negozi è quasi pari a quella online.

Sebbene gli adolescenti preferiscano leggere la stampa tradizionale, i loro percorsi di scoperta dipendono maggiormente dal passaparola - e per gli adolescenti connessi di oggi, questo significa spesso i social media. I giovani lettori sono fortemente influenzati da ciò che leggono i loro coetanei e da ciò che hanno letto in precedenza. Gli adolescenti, e in particolare le ragazze, sono più socievoli nelle loro letture rispetto alle generazioni più anziane: il 45% degli adolescenti è almeno moderatamente influenzato dai riferimenti ai libri sui siti di social network come Facebook e Twitter. Un altro 45% è almeno moderatamente influenzato da siti web orientati ai ragazzi che contengono recensioni e interviste agli autori.

Le serie beneficiano in modo particolare dell'effetto "bandwagon" che i social media possono creare. La più grande fonte di influenza per i lettori adolescenti è l'apprezzamento dei libri precedenti di un autore. Quindi, mentre gli autori e gli editori hanno difficoltà a catturare un lettore adolescente la prima volta, è più facile che riescano a farlo rimanere con quell'autore.

Sebbene molti adolescenti continuino a preferire la carta stampata, questi giovani lettori preoccupano gli editori, poiché negli ultimi anni il livello di lettura di piacere degli adolescenti è rallentato. Oltre alla concorrenza di altri media e dispositivi come smartphone e sistemi di gioco, l'industria ha attribuito il calo anche alla mancanza di recenti romanzi young adult di successo come le serie di Twilight, Harry Potter e Hunger Games. Tuttavia, gli editori desiderosi di promuovere la letteratura per giovani adulti potrebbero fare bene a guardare oltre i lettori più giovani: Finora, nel 2014, i consumatori statunitensi di età superiore ai 18 anni hanno acquistato quasi l'80% dei libri per giovani adulti, sia in formato cartaceo che digitale.

Per ulteriori informazioni sui giovani lettori, unitevi a Nielsen per il suo Children's Book Summit il 12 dicembre 2014 a New York.

Metodologia

L'articolo contiene informazioni tratte dall'indagine Books and Consumers U.S. Survey di Nielsen, un sondaggio mensile online su 6.000 acquirenti di libri selezionati da un campione rappresentativo a livello nazionale per età, sesso e località, che rappresenta circa 180.000 acquisti di libri all'anno, e da Understanding the Children's Book Consumer in the Digital Age di Nielsen, un campione di 3.000 acquirenti di libri per bambini dell'indagine Books and Consumer Survey (compresi genitori e adolescenti), condotta tra l'autunno 2011 e l'autunno 2014. I sondaggi sono stati condotti solo in inglese. Le vendite di libri sono state ricavate da Nielsen BookScan, che misura i dati di vendita EPOS forniti dai rivenditori in 10 Paesi del mondo.

Contenuto correlato