Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

I dispositivi proliferano, ma le preferenze di visione dipendono da cosa e dove si sta guardando

3 minuti di lettura | Aprile 2015

Qual è il vostro dispositivo preferito per guardare il vostro programma preferito? Sebbene la proliferazione dei dispositivi abbia offerto una scelta più ampia che mai, lo schermo televisivo è ancora al top per quasi tutte le forme di contenuti video. Che si tratti di un evento sportivo, di un telegiornale, di un documentario o di un film, la TV rimane il dispositivo preferito, e con un ampio margine secondo gli intervistati online a livello globale nell'indagine Nielsen sul paesaggio digitale.

L'unica eccezione alla regola è rappresentata dai video di breve durata (in genere meno di 10 minuti). Il pubblico visualizza più frequentemente contenuti di dimensioni ridotte su computer, telefoni cellulari e tablet. In effetti, il computer è il secondo dispositivo di visualizzazione più comunemente citato per quasi tutti i generi, ed è in cima alla lista dei dispositivi utilizzati per guardare contenuti di breve durata. Una percentuale minore, ma notevole, di consumatori guarda i contenuti video su un telefono cellulare o un tablet, mentre la visione su e-reader e/o console di gioco non ha ancora guadagnato terreno. 

Dal punto di vista generazionale, la TV è il dispositivo principale scelto per la visione di video in tutti i segmenti, ma la sua leadership è più alta tra i consumatori più anziani. L'uso di computer e cellulari, invece, è più elevato tra i consumatori più giovani. Più di quattro intervistati su dieci della Generazione Z e dei Millennial (42% ciascuno) affermano di guardare i programmi video su un computer, rispetto al 31% della Generazione X, al 25% dei Baby Boomer e al 15% degli intervistati della Generazione Silenziosa. Allo stesso modo, un quinto degli intervistati dei Millennial e della Generazione Z (rispettivamente il 22% e il 20%) dichiara di guardare i programmi su un telefono cellulare, rispetto al 14% della Generazione X, al 6% dei Baby Boomer e al 2% degli intervistati della Generazione Silenziosa. Anche l'uso del tablet è più elevato tra i Millennial e la Generazione X, citato rispettivamente dal 16% e dal 15% degli intervistati. In confronto, il 12% della Generazione Z, l'8% dei Baby Boomer e il 4% degli intervistati della Generazione Silenziosa affermano di guardare video su un tablet. 

Dove guardiamo

Mentre la TV rimane il dispositivo principale per guardare i video a casa, i telefoni cellulari sono il dispositivo più comunemente citato per la visione in movimento. Ma la visione con i dispositivi è in gran parte situazionale, dipende da dove ci troviamo, da chi siamo e da cosa stiamo facendo. Anche a casa, il televisore tradizionale può non essere automaticamente il dispositivo preferito. Ad esempio, tra gli intervistati che guardano programmi video quando sono a casa da soli, la percentuale maggiore (63%) dichiara di guardare programmi video sul televisore, ma il computer è un secondo dispositivo relativamente vicino, citato dal 56% degli intervistati globali. Inoltre, il 34% dichiara di utilizzare un telefono cellulare e il 22% un tablet per guardare i programmi video quando è da solo.

"I confini tra i dispositivi continuano a sfumare e lo schermo migliore per la visione può variare notevolmente man mano che gli spettatori si spostano nel corso della giornata", ha dichiarato Megan Clarken, vicepresidente esecutivo di Nielsen Global Watch Product Leadership. "Il pubblico sceglierà il dispositivo più compatibile con le proprie esigenze nel momento in cui desidera guardare. Pertanto, i contenuti devono fluire senza soluzione di continuità attraverso il tempo, il luogo e il dispositivo".

Il rapporto analizza inoltre:

  • Come si consumano i contenuti in un contesto di rapida riduzione dei confini dei media.
  • La potente influenza dei social media su come e quando guardiamo.
  • Opportunità di espansione digitale per generazione.

Per maggiori dettagli e approfondimenti, scaricate il rapporto Global Digital Landscape di Nielsen.

Informazioni sull'indagine globale Nielsen

I risultati di questa indagine si basano su intervistati con accesso online in 60 Paesi. Sebbene la metodologia del sondaggio online consenta un'enorme scala e una portata globale, essa fornisce una prospettiva solo sulle abitudini degli attuali utenti di Internet, non sulla popolazione totale. Nei mercati in via di sviluppo, dove la penetrazione di Internet non ha raggiunto la maggioranza del potenziale, il pubblico può essere più giovane e più ricco della popolazione generale del paese. Inoltre, le risposte al sondaggio si basano su comportamenti dichiarati, piuttosto che su dati reali misurati.