Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Motori di streaming: I servizi video in abbonamento offrono opzioni ai consumatori che vogliono spendere per i contenuti

2 minuti di lettura | Marzo 2015

Mentre l'economia statunitense passa dalla recessione a una potenziale ripresa, i consumatori continuano ad alimentare la crescita dei servizi di video on demand in abbonamento (SVOD). E chissà, forse i soldi in più che entrano nelle tasche degli spettatori contribuiscono ad alimentare la costante adozione di questi servizi da parte dei consumatori.

Secondo l'ultimo Total Audience Report di Nielsen, nel quarto trimestre 2014 il 41% delle case statunitensi aveva accesso a un servizio SVOD.

In termini di razza ed etnia, la composizione multiculturale delle case SVOD è diversa da quella di altri tipi di case. Ad esempio, tra le case con SVOD, il 71% è bianco, il 12% ispanico, il 10% nero e il 5% asiatico-americano. Tuttavia, la distribuzione è molto diversa nelle case senza banda larga: il 56% delle case è bianco, il 18% ispanico, il 22% nero e solo il 2% asiatico-americano.

Ma i soldi parlano, o almeno permettono ai consumatori di entrare in contatto con una programmazione originale i cui personaggi parlano al di fuori dello schermo televisivo lineare. Il rapporto ha rilevato che la penetrazione di Internet ad alta velocità e l'accesso a SVOD sono fortemente correlati al reddito. Infatti, circa il 13% delle case dispone di più servizi di streaming e quasi la metà delle case con accesso SVOD ha un reddito familiare annuo superiore a 75.000 dollari, mentre due terzi delle case senza accesso alla banda larga hanno un reddito familiare annuo inferiore a 40.000 dollari.

Tuttavia, non si tratta di una proposta "tutto SVOD" o niente per le case con questi servizi. Anzi, è proprio il contrario.

Se guardiamo al confronto tra le case con accesso a servizi di streaming su abbonamento e le case con TV tipica, le case con banda larga e senza SVOD e persino le case senza banda larga, vediamo che le case con SVOD fanno davvero "all in" in termini di dispositivi che utilizzano attraverso i loro televisori tradizionali", ha dichiarato Dounia Turrill, SVP Insights, Nielsen. Dai DVR all'utilizzo delle console per videogiochi, queste case, forse a causa del loro livello di reddito, adottano e si affidano a questi dispositivi a un tasso molto più elevato". La tecnologia genera tecnologia", ha aggiunto Turrill.

Il rapporto ha rilevato che le case con servizi di streaming in abbonamento hanno una predilezione per la tecnologia connessa alla TV e, cosa forse più importante, mostrano il maggior utilizzo di questi dispositivi: quasi 50 minuti in più al giorno rispetto a una tipica casa con TV. Inoltre, queste case hanno una media di 10 minuti in più al giorno per guardare la TV in differita e il doppio in termini di tempo trascorso utilizzando un dispositivo multimediale (come Apple TV e Roku) rispetto a una tipica casa con TV.

Metodologia

Per leggere la metodologia completa, scaricare il Total Audience Report. I dati relativi ai servizi di video on demand in abbonamento (SVOD) rappresentano le famiglie e sono stati raccolti utilizzando il Nielsen NPM Panel e la suddivisione del mercato SVOD di Nielsen. I dati utilizzati in questo rapporto comprendono il pubblico multiculturale. Il pubblico ispanico è composto da popolazioni rappresentative di lingua inglese e spagnola.

Per saperne di più su Total Audience.