Passa al contenuto
Approfondimenti > Prospettive

Come meno può spesso essere di più

2 minute read | Smruti Kulkarni Shanbhag, Nielsen Design Solutions - Europe Lead | Agosto 2018

Di recente sono andata al supermercato con mia figlia di 7 anni per la spesa settimanale. Sto cercando di renderla più autonoma e indipendente, quindi avevamo due liste della spesa: una più piccola per lei e una più lunga per me. Per quanto riguarda la scelta, le ho concesso la libertà di scegliere qualsiasi prodotto/marca le piacesse, purché si attenesse alla lista.

Così prese il suo carrello e si avviò in un'altra direzione, spuntando gli articoli (biscotti, succhi di frutta, pane a fette e banane) su quella piccola lista mentre faceva la spesa. Qualche minuto dopo, la notai da lontano, in piedi davanti alla corsia dei succhi di frutta, intenta a decidere quale aggiungere al suo carrello. Ha preso una confezione, l'ha guardata, poi ne ha presa un'altra, probabilmente ha confrontato le due o più confezioni e ne ha scelta una da aggiungere al carrello.

Più tardi, quando tornammo insieme, le chiesi con curiosità perché avesse scelto il succo che aveva selezionato tra tutti gli altri presenti sullo scaffale. Mi rispose: "Beh, l'etichetta era semplice e potevo leggerla e capirla". La confezione che aveva scelto aveva un design semplice, poche parole e l'immagine di un ananas su una bottiglia trasparente. In effetti, era molto più semplice di molte altre confezioni presenti nella corsia dei succhi di frutta, caratterizzate da disegni disordinati.

Questo mi ha fatto pensare a come a volte meno può essere più nel contesto del design delle confezioni. Mia figlia ha espresso qualcosa che io faccio sempre inconsciamente come acquirente: cercare la semplicità. E credo che molti acquirenti facciano lo stesso. Compriamo ciò che capiamo, almeno nel contesto dei beni di consumo in rapida evoluzione. L'arte e l'antiquariato, invece, sono una storia completamente diversa.

I responsabili del marketing pensano spesso a quanto sia importante comunicare ai consumatori tutti i vantaggi principali di un prodotto direttamente sulla confezione, utilizzando immagini, colori, loghi, parole, tipografia, ecc. Ma molto spesso questo sovraccarico di informazioni rende il design estremamente complesso e difficile da capire. Per questo è importante che i marchi ricordino che gli acquirenti prendono le loro decisioni allo scaffale piuttosto rapidamente. L'utilizzo di un messaggio e di una storia facili e semplici garantisce che i consumatori possano digerirli in un paio di secondi. Se il vostro design non riesce a farlo, il prodotto potrebbe rimanere sullo scaffale invece di essere messo nel carrello.

Oltre a semplificare la vostra proposta, il "minimalismo" nel design delle confezioni può presentare diversi vantaggi interessanti:

Ora la domanda successiva: Cosa fare per sviluppare un buon pacchetto "less is more"? Ci sono delle buone pratiche da seguire?

In qualità di ricercatore di mercato, la mia risposta sarebbe: Esplorate ampiamente le vostre opzioni. Osate con i vostri progetti minimalisti, testateli con i consumatori ed eliminate la soggettività dalle vostre decisioni.

Da una prospettiva più granulare e tattica, ecco alcuni punti che potreste prendere in considerazione per la vostra prossima riprogettazione: