Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

La radio è il nuovo nero: L'influenza della radio commerciale sulla moda

4 minuti di lettura | David Burge, direttore associato del Gruppo Media Industry | Febbraio 2018

Quasi quattro ascoltatori di radio commerciali su dieci si considerano "Fashion Forward", ovvero all'avanguardia quando si tratta di scegliere cosa indossare.

Il gruppo di ascoltatori "Fashion Forward" è composto principalmente da donne che sono orientate all'apparenza, con un reddito familiare superiore alla media e pronte a spendere per tutto ciò che riguarda l'immagine e lo status. Si trovano in una posizione privilegiata per l'acquisto di moda e accessori, prodotti per la cura della pelle, abbronzanti e cosmetici. Il gruppo Fashion Forward offre grandi opportunità agli inserzionisti perché è considerato un influencer affamato di informazioni che cerca di ricevere e condividere consigli tra la propria cerchia e oltre.

Questi sono i risultati dell'ultimo rapporto di ricerca Consumer & Media View (CMV) di Nielsen e Commercial Radio Australia, che rivela che il gruppo di consumatori Fashion Forward, orientato all'immagine, è coinvolto dalle radio commerciali, soprattutto nelle fasce orarie della prima colazione e del pomeriggio. Ascoltano, si fidano e condividono ciò che sentono nella loro stazione radio preferita.

Questo dato è in contrasto con il 62% degli ascoltatori di radio commerciali che si identificano come "Fashion Idlers", che preferiscono aspettare e vedere se la tendenza decolla prima di provare nuovi vestiti. Il reddito familiare medio annuo del gruppo dei "Fashion Idler" è inferiore di circa 10.000 dollari rispetto a quello dei "Fashion Forward". È più probabile che i Fashion Idler si occupino di casa, svolgano un'attività commerciale, siano operai o pensionati. I Fashion Idler hanno anche la più alta rappresentanza di maschi di età superiore ai 55 anni e di pensionati.

Sebbene la percentuale di ascoltatori di radio commerciali che sono "Fashion Idlers" sia superiore a quella dei "Fashion Forwards", il comportamento di acquisto è molto diverso. I consumatori "Fashion Idler" spendono meno nei centri commerciali e sono meno propensi a consigliare un prodotto agli amici.

IN VOGUE

Circa 3,67 milioni (38%) di ascoltatori di radio commerciali si identificano come "Fashion Forward". Questo gruppo è sempre il primo a provare l'ultima tendenza, non appena questa diventa disponibile sul mercato. Il 57% di questo gruppo è composto da donne e il 43% da uomini, con un reddito familiare medio di 104.000 dollari l'anno. Il gruppo "Fashion Forward" ha la più alta rappresentanza di donne di età compresa tra i 18 e i 24 anni e ha anche il reddito personale e familiare medio più alto. 

SEI CIÒ CHE INDOSSI

Il gruppo "Fashion Forward" ama differenziarsi dalla massa attraverso l'abbigliamento. Credono che le griffe migliorino la loro immagine e sono molto orientati allo stile e all'aspetto. Questo gruppo preferisce fare ricerche in negozio prima di acquistare un articolo online. È più probabile che si preoccupino dei tempi di consegna degli acquisti online, rispetto ai "Fannulloni della moda".

ULTIMI, MUST-HAVE DELLA STAGIONE

Mentre circa un quarto dei "Fashion Forward" e dei "Fashion Idlers" spende ogni settimana 101-200 dollari nei centri commerciali, i consumatori "Fashion Forward" spendono di più per l'intrattenimento. I consumatori "Fashion Forward" spenderanno in media 66 dollari per l'intrattenimento a settimana, mentre i "Fashion Idlers" ne spenderanno in media 54. Inoltre, il 67% dei "Fashion Forward" spenderà probabilmente più di 50 dollari in un centro commerciale ogni settimana.

LA MODA È CIÒ CHE SI COMPRA, LO STILE È CIÒ CHE SI FA CON ESSA

I consumatori "fashion forward" sono in grado di influenzare il comportamento di acquisto degli altri. Sono visti come influencer negli ambienti della moda e sono più propensi a cercare e dare consigli su una serie di abiti, prodotti e servizi. Non si limiteranno a dare consigli sulla moda, ma influenzeranno attivamente il resto della popolazione in categorie come mangiare fuori, gadget, cosmetici, vacanze, vestiti, scarpe e accessori, salute e nutrizione e ristrutturazioni.

Ottenete una copia gratuita del rapporto utilizzando il pulsante "Download" sulla destra.

SU NIELSEN

Nielsen Holdings plc (NYSE: NLSN) è una società globale di misurazione e analisi dei dati che fornisce la visione più completa e affidabile disponibile dei consumatori e dei mercati di tutto il mondo. Il nostro approccio combina i dati proprietari di Nielsen con altre fonti di dati per aiutare i clienti di tutto il mondo a capire cosa sta accadendo ora, cosa accadrà in futuro e come agire al meglio sulla base di queste conoscenze. Da oltre 90 anni Nielsen fornisce dati e analisi basati sul rigore scientifico e sull'innovazione, sviluppando continuamente nuovi modi per rispondere alle domande più importanti per i settori dei media, della pubblicità, della vendita al dettaglio e dei beni di consumo in rapida evoluzione. Azienda S&P 500, Nielsen è presente in oltre 100 Paesi e copre più del 90% della popolazione mondiale. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.nielsen.com.

SULLE RADIO COMMERCIALI AUSTRALIANE

Commercial Radio Australia (CRA) è l'ente nazionale di settore per le radio commerciali in Australia, con 260 membri di stazioni FM, AM e DAB+ a livello nazionale che rappresentano il 99% delle licenze radiofoniche commerciali in onda. Il CRA è stato determinante per il successo dell'introduzione delle trasmissioni radiofoniche digitali DAB+ in Australia e nell'Asia del Pacifico.

it