Passa al contenuto
Approfondimenti > Pubblico

Cosa bevono i baby boomer australiani?

1 minuto di lettura | Toby Jones, Direttore del Gruppo Industria Retail | Gennaio 2018

Quando si parla di bevande alcoliche, i Baby Boomers (australiani di età superiore ai 55 anni) sono un segmento da non ignorare. Rispetto all'intera popolazione australiana di età superiore ai 18 anni, questo importante segmento demografico ama sicuramente bere, con oltre due terzi che dichiarano di aver consumato una bevanda alcolica nell'ultimo mese, rispetto a poco più della metà dei Millennials (18-34 anni) e al 64% della Gen X (35-54 anni).

In generale, i Baby Boomers hanno anche un reddito disponibile maggiore rispetto a cinque anni fa: hanno redditi personali e familiari più alti e spendono di più in attività di intrattenimento e ricreative.

Il drink preferito dai baby boomer è un bicchiere di vino, mentre la birra è al secondo posto. È anche più probabile che abbiano bevuto scotch o whisky nell'ultimo mese.

Un Boomers su quattro è alla ricerca del "buon prezzo" quando si tratta di acquistare vini. Tuttavia, ciò non va a discapito della qualità, poiché i Boomers sono disposti a spendere il 35% in più per vini e liquori di qualità. Sono anche più propensi ad acquistare vini "naturali" (naturali negli ingredienti, nel processo di produzione e senza conservanti o additivi) e quasi la metà (44%) dei baby boomer dichiara di aver riscontrato benefici per la salute nel bere vino.

Per raggiungere i Boomers australiani, i rivenditori e i marchi dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di investire nei cataloghi, dato che i Boomers hanno il 30% in più di probabilità di aver letto un catalogo di bevande alcoliche nell'ultimo mese. I Boomers hanno anche maggiori probabilità di essere forti spettatori della TV in chiaro, della radio commerciale e dei giornali, quindi una combinazione efficace di pubblicità di massa e locale su questi canali mediatici è un buon indizio per raggiungere questo gruppo di amanti del vino.

Fonte: Nielsen Consumer & Media View, database nazionale, ottobre 2016 - settembre 2017, base: 18+