Passa al contenuto
Approfondimenti > Pubblicità

Preparare il nostro cammino per il futuro: Innovare la distribuzione di annunci lineari per il futuro, ora!

4 minuti di lettura | Kelly Abcarian, Direttore generale, Advanced Video Advertising, Nielsen | Giugno 2020

Quando la maggior parte dei consumatori pensa al proprio consumo di media, non tarda a ricordare il proprio programma televisivo preferito, un nuovo videogioco di cui è appassionato o l'ultimo originale Netflix che ha visto. Raramente, se non mai, gli annunci pubblicitari entrano nella conversazione. Questo non è sorprendente, ma sottolinea l'importanza che gli annunci hanno nella vita dei consumatori.

In effetti, gli spot televisivi hanno sempre avuto un'influenza significativa sui consumatori. Gli annunci televisivi sono il mezzo più affidabile e collaudato per raggiungere il pubblico e sono il motore della fiducia dei consumatori nella spesa. Oggi sono persino una motivazione primaria per la visione di contenuti premium, in quanto educano, informano, catturano, coinvolgono e sono affidabili. E questo non cambia, anche se molte altre cose cambiano.

Ora, in mezzo a un cambiamento più grande di quanto molti di noi abbiano mai sopportato, aziende, istituzioni e organizzazioni stanno riprendendo le attività dopo essere state messe in disparte dal nuovo coronavirus (COVID-19) per gran parte della primavera. La pubblicità può aiutarli a rimettersi in carreggiata, ma il messaggio dovrà essere mirato, pertinente e riflettere i cambiamenti che abbiamo vissuto quest'anno e quelli che potrebbero essere imminenti.

Il cambiamento dei consumatori spinge alla necessità di indirizzare la pubblicità  

Prima del COVID-19, il settore televisivo era alle prese con il cambiamento del modo in cui i consumatori guardano i video, con le persone che nelle case con dispositivi OTT passano quasi il 20% del loro tempo televisivo in streaming. Quando il COVID-19 è arrivato negli Stati Uniti a marzo, ha accelerato questo cambiamento di comportamento.

Nella settimana del 1° giugno, i consumatori hanno trascorso 126,1 miliardi di minuti in streaming video: un aumento del 49% rispetto all'anno precedente.

Poiché i consumatori si attengono ai loro nuovi comportamenti, dobbiamo accelerare la nostra transizione verso l'indirizzabilità nello spazio televisivo lineare. 

L'indirizzabilità sta già aiutando i marchi a coinvolgere efficacemente i consumatori giusti attraverso il digitale, il cavo locale e le TV connesse. Tuttavia, la televisione nazionale in diretta e via cavo rimane il mezzo video dominante, raggiungendo l'80% degli adulti che guardano la TV. Per quanto riguarda la sintonizzazione giornaliera, gli adulti statunitensi guardano quasi quattro ore di TV in diretta e in differita. Considerando l'opportunità totale che rappresenta, c'è un potenziale di 56 minuti di pubblicità indirizzabile al giorno. Un modo per scalare la TV indirizzabile è attraverso le smart TV, che rappresentano il 53% delle famiglie televisive statunitensi, aprendo così la strada a una più rapida scalabilità della TV indirizzabile.

Mentre i marketer e gli editori iniziano a pensare ai loro piani pubblicitari per il resto dell'anno e per il 2021, hanno l'opportunità di essere molto più precisi, responsabili e significativi di quanto non siano mai stati prima. La precisione della TV indirizzabile consentirà loro di essere più intelligenti con i loro messaggi, assicurando che si connettano con i consumatori in modi nuovi e contribuendo a riaccendere l'economia dopo il COVID-19. 

Guidare il marchio personalizzato e le connessioni umane

La parola autenticità è molto usata nel marketing di oggi, ma è difficile far sentire autentica una campagna nazionale a uno specifico gruppo di consumatori. Sappiamo anche che la fedeltà al marchio è effimera: solo l'8% dei consumatori globali dichiara di essere fedele ai marchi che acquista. Se i consumatori non si sentono legati ai marchi che acquistano, questa statistica continuerà sicuramente a scendere. Gli annunci televisivi indirizzabili consentono ai responsabili del marketing e ai programmatori di trasmettere una serie di messaggi diversi a spettatori diversi per contribuire a creare questi legami, che risuonano con persone specifiche che hanno esigenze e obiettivi specifici. L'indirizzabilità significa anche che si possono ridurre gli sprechi. Coinvolgendo in modo efficace un pubblico specifico, è possibile pubblicare meno annunci, migliorando così l'esperienza degli spettatori. Inoltre, si può ridurre il rischio di stanchezza degli spettatori, che si verifica quando questi ultimi si stancano di vedere troppo spesso lo stesso annuncio, lo stesso argomento o la stessa causa. 

Soprattutto, l'indirizzabilità fornisce un livello di flessibilità che oggi è un'esigenza fondamentale per i marchi e i marketer. Sebbene la nuova pandemia di coronavirus abbia tenuto il mondo nelle sue grinfie dalla fine dello scorso anno, non è l'unica sfida che il mondo sta affrontando. La serie di cambiamenti che il mondo sta affrontando alza notevolmente la posta in gioco per i marketer, ma almeno con la tecnologia indirizzabile, essi hanno la possibilità di sviluppare e distribuire messaggi direttamente significativi per il pubblico a cui vogliono inviarli. 

Se la storia ci ha insegnato qualcosa, è che siamo ispirati a dare il meglio di noi stessi nei momenti difficili. L'innovazione è difficile. Lo è ancora di più in presenza di una pandemia globale, di un aumento della disoccupazione e di un diffuso disagio sociale. Ma questi fattori spiegano perché dovremmo evolvere il modo in cui viene erogata la pubblicità - collettivamente, come settore. In definitiva, la pubblicità lineare indirizzabile offrirà la flessibilità, il valore e la connessione con i consumatori che gli inserzionisti desiderano da tempo.

Questo articolo è stato pubblicato originariamente su Advertising Week 360

it