Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Gli americani e i pubblicitari sono fiduciosi nei confronti del viaggio

3 minuti di lettura | Aprile 2021

I viaggi aumentano con la riapertura degli Stati Uniti e la disponibilità delle vaccinazioni. Il CDC raccomanda ancora alle persone vaccinate di seguire delle precauzioni, soprattutto quando viaggiano all'estero, ma un recente sondaggio mostra che sette americani su dieci sono ansiosi di iniziare a viaggiare in aereo e di prenotare una vacanza non appena ne avranno la possibilità. In generale, gli adulti tra i 35 e i 49 anni sono tra i più desiderosi di praticare queste attività non appena le restrizioni COVID saranno abolite.

Si tratta di una buona notizia per gli inserzionisti che cercano di guidare il settore dei viaggi all'uscita dalla pandemia, cavalcando l'onda del crescente ottimismo dei consumatori. Poiché il settore dei viaggi è stato uno dei più duramente colpiti dalla pandemia, gli operatori del marketing hanno certamente una strada da percorrere per tornare ai livelli precedenti la pandemia. La spesa pubblicitaria nel settore dei viaggi è calata del 77% rispetto all'anno precedente durante il COVID-19, a partire dal febbraio 2021.

Durante la pandemia, mantenere alta la consapevolezza del marchio è stato importante ma impegnativo per gli operatori del settore dei viaggi che cercavano di mantenere a galla le loro attività senza incoraggiare comportamenti rischiosi. Sapendo che possono essere necessari da tre a cinque anni per riprendersi da una pubblicità interrotta, una recente analisi della spesa pubblicitaria ha mostrato che molti degli operatori del settore dei viaggi che avevano speso molto prima della pandemia hanno mantenuto alti i loro investimenti, rispetto al settore. Essendo in grado di rimanere al centro dell'attenzione durante questo periodo di crisi, questi marchi hanno maggiori probabilità di avere una ripresa più agevole con la ripresa dei viaggi. 

Uber è stata un'azienda di trasporti che ha cambiato completamente la sua strategia pubblicitaria durante la pandemia. Utilizzata principalmente per gli spostamenti a breve distanza, questa azienda ha aumentato la spesa, diventando uno dei tre principali spender pubblicitari durante la pandemia. L'azienda ha messo in evidenza i suoi protocolli di sicurezza e, dal momento che le persone iniziano a tornare nei caffè, nei ristoranti, nei bar e dai parrucchieri locali, è probabile che rimanga in primo piano nella mente dei consumatori.

Ci vorrà ancora del tempo prima che i viaggi tornino ai livelli pre-pandemici, ma è probabile che le persone comincino a spingersi oltre i viaggi in macchina locali della scorsa estate. Uno sguardo alla spesa pubblicitaria per categoria dimostra questo ottimismo. 

La spesa pubblicitaria per i viaggi online è diminuita dell'85% dopo la pandemia, se si confronta il periodo marzo 2019 - febbraio 2020 con quello marzo 2020 - febbraio 2021. Sebbene la spesa sia ancora molto al di sotto dei livelli pre-pandemia, a febbraio 2021 la categoria era in crescita e rappresentava la più grande categoria pubblicitaria di viaggi per spesa, con 10,5 miliardi di dollari. Si tratta di una cifra quasi tripla rispetto alla seconda categoria, quella delle compagnie aeree passeggeri, con 3,4 miliardi di dollari.

Con la ripresa della pubblicità, i marchi si troveranno di fronte a un mercato sempre più ingombro. Possono raggiungere i consumatori desiderosi di viaggiare comprendendo meglio le loro sfide, le loro esigenze e i luoghi in cui trascorrono il loro tempo sulle varie piattaforme. 


Per ulteriori informazioni, scaricare il Rapporto Nielsen sull'audience totale: Advertising Across Today's Media.