Passa al contenuto
Centro Notizie > Diversità

Nielsen celebra il mese dell'orgoglio

3 minuti di lettura | Giugno 2019

Giugno è il Mese dell'Orgoglio in tutto il mondo e siamo orgogliosi di festeggiare insieme ai nostri colleghi, comunità e alleati LGBTQ+ a livello globale. Diversità e inclusione sono e saranno sempre un imperativo aziendale globale per Nielsen. Promuovere voci e prospettive diverse è fondamentale per creare un'azienda vincente, in quanto favorisce un ambiente in cui tutti si sentono rispettati e possono raggiungere il loro pieno potenziale. E giugno è il momento ideale per riconoscere l'impatto che i colleghi LGBTQ+ hanno avuto sulla storia e sulla nostra azienda, affrontando anche le sfide che questa comunità può affrontare in tutto il mondo.

"Mentre riconosciamo e celebriamo il Pride Month a livello globale, continueremo a promuovere l'inclusione dei nostri colleghi LGBTQ+ in tutto il mondo", ha dichiarato Natasha Miller Williams, SVP Diversity & Inclusion di Nielsen. "Abbiamo la responsabilità di promuovere l'appartenenza di tutti i nostri collaboratori e di creare opportunità di crescita per tutti".

L'inclusione e l'accettazione delle persone LGBTQ+ possono variare nel mondo, ma non in Nielsen. La nostra politica globale politica di non discriminazione-che copre, tra l'altro, il genere, l'identità di genere e l'orientamento sessuale, si applica in modo identico in ogni paese. ogni paese in cui paese in cui operiamo in tutto il mondo.

Nielsen sostiene e sostiene attivamente i colleghi LGBTQ+ da oltre un decennio, a partire dal lancio del gruppo di risorse per i dipendenti (ERG) PRIDE LGBTQ + Allies nel 2007. Da allora, i membri del PRIDE hanno contribuito in modo determinante al raggiungimento di importanti traguardi per i dipendenti LGBTQ+ e per la misurazione dei consumatori. Nel 2018 e nel 2019 abbiamo compiuto diversi passi importanti per sostenere ulteriormente l'inclusione e la rappresentanza LGBTQ+ in tutto il mondo:

  • Abbiamo ampliato i nostri ERG PRIDE a livello globale, con capitoli in Nord America, America Latina, Europa e Asia. I membri del PRIDE sono stati messi in grado di promuovere l'inclusività all'interno di Nielsen e nelle nostre misurazioni. Ad esempio, i capitoli PRIDE in Germania e Polonia hanno pubblicato i loro primi rapporti sui consumatori LGBTQ+, che misurano il comportamento dei consumatori e le tendenze di acquisto che dimostrano l'importanza del mercato della comunità LGBTQ. Il nostro primo rapporto sui consumatori LGBTQ+ in Messico sarà pubblicato alla fine del mese.
  • Il nostro gruppo di lavoro PRIDE, in collaborazione con GLAADè stato un collaboratore chiave per il lancio del nostro primo rapporto pubblico sulla di telespettatori di famiglie dello stesso sesso che aiutano a quantificare il pubblico LGBTQ+ dei media, cosa che solo Nielsen può fare.
  • Abbiamo aderito alla Coalizione di imprese per l'Equality Actun gruppo di importanti datori di lavoro statunitensi che sostengono l'Equality Act. Se approvata, questa legge federale statunitense garantirebbe alle persone LGBTQ+ le stesse protezioni di base previste dalla legge federale per gli altri gruppi protetti, comprese quelle che vietano la discriminazione sul lavoro, negli alloggi e nei servizi pubblici.
  • Negli Stati Uniti, abbiamo ampliato i nostri benefit per sostenere ogni percorso verso la genitorialità, aggiungendo un fornitore di benefit per la fertilità che copre il rimborso per l'adozione e la maternità surrogata.

Siamo inoltre orgogliosi del riconoscimento esterno dei nostri sforzi per promuovere l'inclusione dei nostri dipendenti LGBTQ+ in tutto il mondo.

"Estendo un ringraziamento speciale ai membri e ai leader del PRIDE ERG per il loro impatto sull'inclusione all'interno della nostra azienda e all'esterno dei nostri prodotti televisivi statunitensi", ha aggiunto Kelly Abcarian, General Manager, Advanced Video Advertising e PRIDE ERG Executive Sponsor di Nielsen. "Ci impegniamo a garantire che Nielsen rimanga all'avanguardia nell'inclusione dei nostri colleghi e delle comunità di tutto il mondo".

Kelly si è recentemente unita a David Kenny, CEO e Chief Diversity Officer di Nielsen, per condividere un messaggio sul Mese dell'Orgoglio:

it