Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Notizie e preoccupazioni sull'influenza suina dominano il buzz online

1 minuto di lettura | Aprile 2009

Quando le notizie sull'epidemia di influenza suina hanno superato i confini messicani e sono arrivate negli Stati Uniti alla fine della scorsa settimana, Internet ha iniziato a ronzare furiosamente sui rischi, sui sintomi e su altri aggiornamenti. A titolo di paragone, il volume delle conversazioni sull'epidemia ha già superato di quasi 10 a 1 quelle relative agli allarmi salmonella e burro di arachidi dell'inizio dell'inverno... o, per dirla in un'altra prospettiva culturale, le chiacchiere sull'influenza suina superano persino quelle della recente star dei media virali Susan Boyle.

L'aumento delle conversazioni sull'influenza suina su Twitter, dove l'influenza suina è entrata in quasi il 2% di tutti i tweet, è indicativo del picco di conversazioni sul web.

Controllo della malattia e del messaggio

Poiché gli aggiornamenti emergono di ora in ora (la pagina Wikipedia sull'influenza suina è stata aggiornata 60 volte tra le 10 e le 11 del mattino) in risposta alla diffusione del virus, i Centers For Disease control hanno agito rapidamente, aggiornando la loro homepage e creando una sezione speciale esclusivamente per gli aggiornamenti e le informazioni sull'influenza suina, che include fatti chiave, articoli correlati e la possibilità di condividere/pubblicare la pagina sui siti di social bookmarking e social networking. L'attività di buzz sul CDC rispecchia fedelmente il buzz che circonda entrambi gli allarmi sanitari.