Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Annunci con gli amici: Analisi dei vantaggi degli annunci sociali

2 minuti di lettura | Marzo 2012

Dato che i social network hanno conquistato una quota maggiore di dollari per la pubblicità digitale, un elemento di differenziazione fondamentale che sottolineano agli inserzionisti di marca è la capacità di sfruttare il potere delle raccomandazioni degli amici quando si tratta di condividere esperienze e contenuti.

La scorsa settimana, Facebook ha introdotto nuovi prodotti pubblicitari che mettono in evidenza le connessioni con gli amici sul sito per rendere il marketing più intrinsecamente sociale. Sebbene gli annunci sociali fossero già disponibili su Facebook, l'annuncio della scorsa settimana significa un'enfasi ancora maggiore su questa forma unica di pubblicità.

Ma questi tipi di annunci sociali offrono qualche vantaggio rispetto alle loro controparti non sociali? Per rispondere a questa domanda, Nielsen ha analizzato* i risultati di 79 campagne Facebook per un periodo di sei mesi, per determinare quanto gli annunci con messaggi sociali siano riusciti a raggiungere il pubblico. Gli annunci sociali sono quelli serviti agli utenti che hanno amici che sono fan o hanno interagito con il marchio pubblicizzato e richiamano in modo evidente la relazione, mentre gli annunci non sociali sono serviti al resto della popolazione di Facebook.

FacebookFansAds

Sebbene una precedente ricerca Nielsen abbia dimostrato che gli annunci online tendono a essere notati e ricordati nel complesso, questa analisi dimostra ulteriormente che gli annunci social offrono un vantaggio. In media, gli annunci sociali generano un aumento del 55% nel ricordo dell'annuncio rispetto agli annunci non sociali, anche se i singoli casi possono variare.

DifferenzaAdRecall

Secondo un'indagine Nielsen del 2011 sull'atteggiamento dei consumatori nei confronti dei diversi tipi di pubblicità, il 76% dei consumatori statunitensi di Internet ha dichiarato di fidarsi soprattutto delle raccomandazioni di conoscenti personali, mentre il 49% si è fidato delle opinioni dei consumatori pubblicate online. Non deve quindi sorprendere che gli annunci che fanno riferimento agli amici di un consumatore risultino più memorabili rispetto agli annunci tradizionali privi di contenuti sociali.

Sulla base di questa analisi, un numero sempre maggiore di inserzionisti potrebbe prendere in considerazione la possibilità di sfruttare gli annunci con contenuti sociali come mezzo per utilizzare meglio la potenza della rete di consumatori impegnati con i loro marchi. Questo serve anche a giustificare gli sforzi dei marketer per creare più punti di connessione sociale con i loro consumatori, in quanto i loro marchi saranno meglio posizionati per raggiungere un gruppo più ampio di potenziali clienti.

*Metodologia

Questa analisi ha incluso 79 campagne Facebook in lingua inglese misurate da Nielsen Online Brand Effect nella seconda metà del 2011. Per gli studi di questo periodo Nielsen ha identificato quattro tipi di intervistati:

  1. Utenti esposti che hanno visto annunci sociali
  2. Utenti di controllo che avrebbero dovuto vedere gli annunci sociali (ma non lo hanno fatto a causa di una metodologia di esclusione casuale)
  3. Utenti esposti che hanno visto annunci non social
  4. Utenti di controllo che avrebbero visto annunci non social (ma non lo hanno fatto a causa di una metodologia di esclusione casuale)

Nielsen ha quindi calcolato gli aumenti di richiamo degli annunci per gli annunci sociali e non sociali in base alle differenze tra gli utenti esposti e quelli di controllo. Per essere incluso nell'analisi, ogni studio doveva soddisfare specifici requisiti di dimensione del campione. Inoltre, sono stati rimossi gli outlier (risultati estremi alti/bassi).