Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Cambiare il modo in cui guardiamo al potenziale di guadagno della pubblicità mobile

3 minuti di lettura | Maggio 2010

Roger Entner, vicepresidente senior, ricerca e approfondimenti, settore telecomunicazioni

Con la rapida convergenza dei mondi della pubblicità, di Internet e della telefonia mobile, dobbiamo cambiare il modo in cui guardiamo a questi diversi settori e le metriche che utilizziamo per descrivere il business potenziale. È essenziale una mentalità diversa e unificata su come valutare l'opportunità e confrontare le varie componenti del flusso di valore del cliente.

I giganti del mondo dell'informatica e di Internet hanno fornito all'ecosfera della pubblicità mobile la legittimazione che cercava attraverso le acquisizioni di Admob da parte di Google e di Quattro Wireless da parte di Apple, e il successivo lancio di iAd. Ora è necessario comprendere meglio le opportunità di guadagno.

Le valutazioni pure o anche i dati sui ricavi forniscono solo una visione limitata della reale performance di un'azienda. Nel mondo della telefonia mobile, l'ARPU o ricavo medio per utente è una metrica comunemente utilizzata per confrontare le varie opportunità di guadagno, indipendentemente dalle dimensioni del vettore sottostante.

L'ARPU si calcola dividendo i ricavi trimestrali per tre per ottenere i ricavi mensili e dividendo poi i ricavi mensili per il numero di abbonati o utenti unici.

Q1 2010 AT&T Mobilità Verizon Wireless Google
Ricavi totali $13.9b $13.4b $6.67b
Ricavi dei dati / Ricavi dei siti di proprietà di Google $4.1b $4.5b $4.44b
Abbonati/Utenti unici 86.9m 87.8m 156m
ARPU al mese $15.73 $17.06 $9.40
Fonte: Calcoli di The Nielsen Company basati su informazioni dell'azienda.

Abbiamo utilizzato i ricavi dei siti di proprietà di Google perché possiamo determinare il conteggio degli utenti unici, cosa che non possiamo fare per la fonte della stragrande maggioranza dei ricavi rimanenti da AdSense.

Ormai tutti concordano sul fatto che il cellulare è una piattaforma pubblicitaria attraente almeno quanto Internet. Il cellulare è sempre con voi, è più personale di qualsiasi altro dispositivo e ha la capacità di integrare posizione e immediatezza. Inoltre, la pubblicità mobile è sempre meno ostacolata dalle limitazioni del dispositivo in termini di dimensioni dello schermo e velocità della rete e la differenza tra l'esperienza Internet e quella mobile sta diventando sempre minore. Allo stesso tempo, siamo agli albori della pubblicità basata sulla localizzazione, del couponing o anche di cose semplici come l'invio di un messaggio vocale precedentemente scelto nella nostra casella di posta elettronica.

Questo ci riporta alla pubblicità mobile. Se il cellulare è altrettanto o meglio di Internet come veicolo pubblicitario, è anche in grado di monetizzare almeno altrettanto bene. Google ottiene 9,40 dollari al mese per utente unico in entrate dalla pubblicità agli utenti di Internet. Dovrebbe essere in grado di ottenere almeno la stessa cifra al mese per un cliente mobile che utilizza il dispositivo più a lungo, più spesso, più intensamente e più personalmente rispetto al computer e a Internet. Se prendiamo 9,40 dollari e li moltiplichiamo per 280 milioni di abbonati wireless negli Stati Uniti, il potenziale del mercato pubblicitario mobile è di oltre 2,5 miliardi di dollari al mese o più di 30 miliardi di dollari all'anno. Pensate che ci sono almeno 30 miliardi di ragioni per cui Google vuole comprare AdMob per 750 milioni di dollari, almeno 30 miliardi di ragioni per cui Apple ha comprato Quattro Wireless per 360 milioni di dollari e almeno 30 miliardi di ragioni per cui altri vorranno partecipare a questo spazio - e queste sono solo 30 miliardi di ragioni per farlo negli Stati Uniti, senza dimenticare Europa, Asia, America Latina, Africa e Australia.

Questo articolo è stato pubblicato anche su Fierce Wireless