Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Usare i social media per fare le domande giuste

2 minuti di lettura | Settembre 2011

Decenni di miglioramento dell'efficienza e della gestione della supply chain hanno prodotto guadagni indiscussi per le aziende di tutto il mondo. La gestione della supply chain è ora la regola, non il fattore di differenziazione. Nell'odierna economia della domanda, sfruttare i bacini non sfruttati della domanda dei consumatori è fondamentale per ottenere un vantaggio competitivo. "Inoltre, la catena di fornitura lascia fuori una parte importante: il cliente", ha dichiarato Brad Little di NM Incite alla conferenza Consumer 360 di Nielsen a Francoforte, in Germania. "Nell'odierna economia della domanda, le aziende devono avvicinarsi al cliente", ha sottolineato.

L'innovazione basata su ciò che i consumatori desiderano è essenziale, ma per identificare ciò che i consumatori desiderano è necessario ascoltare. L'esplosione delle informazioni sui social media offre una vasta opportunità di ascoltare e coinvolgere i clienti per dare forma a prodotti e servizi in grado di soddisfare la domanda non soddisfatta.

I social media sono il mezzo di comunicazione in più rapida crescita della storia. Oggi più di tre utenti di Internet su cinque utilizzano i social media e l'utilizzo continua a crescere ogni giorno. Una ricerca di NM Incite rivela infatti che un quarto delle discussioni sui social media e online menziona un prodotto, un servizio o un marchio. L'esposizione a un'eco positiva può favorire ulteriori vendite.

L'opportunità di coinvolgere e ascoltare i consumatori attraverso i social media è evidente e sempre più marchi la ritengono essenziale anziché facoltativa. "Tuttavia, l'ampia gamma di opportunità offerte dai social media crea incertezza per molti motivi", afferma Brad Little. "Come si fa a coinvolgere nel modo giusto? Come misuriamo l'influenza dei media a pagamento rispetto a quelli guadagnati? Come implementare ciò che abbiamo imparato dai social media nella nostra organizzazione?". Sebbene ci siano molti esempi di successi e insuccessi quando si parla di social media, utilizzando gli strumenti giusti, le metriche e la strategia appropriata, i marchi possono sfruttare le informazioni sui social media per ottenere vantaggi competitivi e costruire una domanda di successo.

Una storia di successo dimostra come i social media siano stati utilizzati per rimodellare una campagna sui pannolini per bambini con risultati migliori, combinando sia l'ascolto che la ricerca. I risultati del sondaggio tradizionale mostravano che la maggioranza dei consumatori riteneva che "ecologico" fosse l'attributo più importante del prodotto. Ma nelle conversazioni online autentiche, i consumatori hanno indicato che "biologico" e "evita l'eritema da pannolino" erano le caratteristiche più importanti del prodotto. L'analisi dei social media ha rivelato un quadro più accurato del sentimento dei consumatori riguardo ai desideri dei prodotti. Questo ha portato a un nuovo tema della campagna, incentrato su "Caring", che ha prodotto risultati fenomenali per il marchio.

sondaggio-feedback

Per vincere in questo nuovo modello di business, un'azienda deve smettere di mettere a punto la catena di fornitura e passare a un modello di informazione costruito intorno alle richieste e alle esigenze in rapida evoluzione dei gruppi di consumatori più redditizi. Ciò significa smettere di proporre costantemente prodotti ai consumatori con una pubblicità unidirezionale e passare a un nuovo modello in cui il valore aggiunto per il cliente, i cicli di feedback trasparenti e bidirezionali e le competenze conversazionali sono al centro dell'attenzione.