Passa al contenuto
Centro notizie > Azienda

Nielsen riconosciuta ancora una volta come azienda top per la diversità

2 minuti di lettura | Aprile 2016

Siamo entusiasti di annunciare che Nielsen è stata riconosciuta per l'eccellenza e la leadership nella diversità da DiversityInc per il terzo anno consecutivo. Nielsen si è guadagnata la posizione numero 41 nella classifica DiversityInc 2016. Le 50 aziende più importanti per la diversità un'indagine annuale che tiene conto delle migliori aziende del Paese per quanto riguarda l'assunzione, il mantenimento e la promozione di donne, minoranze, persone con disabilità, LGBT e veterani. L'elenco si basa sull'indagine più rigorosa e basata su dati di questo tipo, che valuta i dati demografici dettagliati in base alla razza/etnia e al genere in oltre 1.800 aziende con sede negli Stati Uniti.

"Diversità e inclusione sono fondamentali per la crescita, la forza e la capacità di innovazione di Nielsen", ha dichiarato Mitch Barns, CEO di Nielsen. "Stiamo investendo in tecnologia, sviluppo della leadership e altre capacità per migliorare la creatività dei nostri team a livello globale, a beneficio delle aziende e dei mercati che serviamo".

Siamo profondamente impegnati a sostenere la cultura inclusiva di Nielsen e sponsorizziamo un numero significativo di programmi per celebrare la diversità. Le nostre recenti pietre miliari includono:

  • La nomina e la promozione di Angela Talton a responsabile della diversità all'inizio dell'anno.
  • Completamento di una campagna globale di una settimana che ha fatto crescere del 38% le adesioni ai sette gruppi di risorse dei dipendenti (ERG) dell'azienda al di fuori degli Stati Uniti.
  • Investire nello sviluppo della leadership attraverso il Diverse Leadership Network, con il 100% dei diplomati che rimangono in azienda e passano a posizioni più ambite. La classe 2015 ha esteso il programma oltre i confini degli Stati Uniti.
  • Fornisce consulenza, tutoraggio e formazione finanziaria pro bono a fornitori diversi.
  • Aumentare i benefici del tempo libero con un congedo più lungo per i genitori.
  • Sfruttare il nostro ERG LGBT per offrire programmi incentrati sull'educazione dei transgender.
  • Collaborazione con Special Olympics per il sesto anno consecutivo, compresa la produzione di un sondaggio globale personalizzato su 500 atleti ai World Summer Games del 2015.

"La definizione di Nielsen di diversità è molto più di ciò che si vede", ha dichiarato Angela Talton, Chief diversity officer di Nielsen. "È l'ampiezza dei talenti, delle competenze, delle esperienze e dei background culturali che rendono unico ognuno di noi. Sfruttare queste differenze per la nostra azienda e per i nostri clienti ha prodotto risultati superiori. Non è sufficiente che i nostri collaboratori abbiano un posto a tavola. Vogliamo che abbiano voce in capitolo e che sappiano che la loro voce sarà ascoltata".

Le aziende con più di 1.000 dipendenti con sede negli Stati Uniti possono partecipare al sondaggio di DiversityInc e non ci sono costi di partecipazione. La classifica di ogni azienda si basa su un'analisi obiettiva di 183 fattori distinti, basata sui dati di un sondaggio di 300 domande. Le quattro aree di misurazione, ugualmente ponderate, sono Talent Pipeline, Equitable Talent Development, CEO/Leadership Commitment e Supplier Diversity.

"Sotto la direzione del CEO Mitch Barns e del CDO Angela Talton, Nielsen ha scalato la classifica grazie alla forte responsabilità dei dirigenti in tutta l'azienda, compresa l'approvazione dei compensi dei dirigenti legati alla diversità", ha dichiarato Luke Visconti, fondatore e CEO di DiversityInc.