Passa al contenuto
Approfondimenti > Sport e giochi

#twothumbsup: Cinema in un teatro vicino a voi

3 minuti di lettura | Marzo 2014

All'epoca di Siskel ed Ebert, due pollici in su non significavano solo che un film era buono. Significava anche che il film valeva la pena di essere visto. I tempi sono cambiati e oggi i critici cinematografici, professionisti o autoproclamati, usano il pollice in altri modi per influenzare le decisioni degli spettatori. Attraverso tweet, hashtag e persino foto, gli spettatori stanno ampliando l'esperienza in sala ben oltre il cinema stesso.

Anche se le recensioni dei moderni critici cinematografici possono avere una maggiore concorrenza a causa dell'ascesa dei social media, esse hanno ancora un posto importante nel processo decisionale di visione dei film. Infatti, secondo il rapporto American Moviegoing 2013 di Nielsen, il 41% dei Millennials ha dichiarato di controllare la valutazione media dei critici su siti web, come Rotten Tomatoes e IMDb, prima di vedere un film. Inoltre, otto spettatori su 10 fanno ancora riferimento alle recensioni dei film almeno una volta quando valutano quali film vedere.

Ma siamo onesti: non dovrebbe sorprendere che l'arte di scrivere e condividere recensioni di film sia diventata più organica. Con la crescita dei social media e di Internet, essere "informati" sugli ultimi film è un aspetto importante della rilevanza sociale. Prima di andare al cinema, circa il 44% degli spettatori dichiara di fidarsi dei trailer come fonte di informazioni per decidere se vedere o meno un film. Quasi allo stesso livello, il 40% dichiara di dare valore alle raccomandazioni pubblicate dai propri amici o familiari sui social media. E dopo aver esultato, pianto o saltato dalla poltrona, gli spettatori si rivolgono ai social media per dare il proprio pollice in su... o in giù.

Quanto sono sociali gli spettatori del cinema?

Il cinema è un'esperienza sociale e gli spettatori si connettono avidamente attraverso le piattaforme dei social media. Circa l'81% degli spettatori ha dichiarato di utilizzare Facebook, mentre il 34% ha utilizzato Twitter, seguito da Pinterest (21%), Google+ (20%) e Instagram (18%). Il rapporto rileva inoltre che gli spettatori che hanno utilizzato Facebook hanno apprezzato o seguito un film nel 25% dei casi e hanno avuto la stessa probabilità degli utenti di Twitter di parlare di film sui social media. Gli utenti di Facebook hanno anche il 15% di probabilità in più di guardare trailer o filmati. Per mettere in scena Instagram e Pinterest, letteralmente, gli spettatori stanno socializzando l'esperienza in sala attraverso opere d'arte, commenti e selfie creati dai fan. Il 24% degli utenti di Instagram ha dichiarato di utilizzare il sito per pubblicare foto di un film.

La natura del consumatore odierno e il panorama digitale consentono agli spettatori di utilizzare le loro connessioni sociali per ottenere istantaneamente informazioni sui film. Si consideri questo dato: Gli utenti di Twitter che vanno al cinema hanno il 25% di probabilità in più rispetto a tutti gli utenti dei social network di assistere a un film nel weekend di apertura e il 55% twitta o commenta regolarmente i film. Gli utenti di Twitter sono anche i più assidui frequentatori di cinema, con circa nove film all'anno. Anche gli utenti di Instagram vanno molto al cinema (con una media di quasi nove film all'anno). Sono anche i più spontanei per quanto riguarda ciò che vedono (il 36% sceglie regolarmente un film dopo essere arrivato al cinema) e sono i più espliciti per quanto riguarda le loro esperienze cinematografiche (il 60% dice di postare spesso commenti sui film sui loro siti di social network).

"Quando gli studi cinematografici pianificano i loro budget di marketing per i film di successo del prossimo anno, dovrebbero considerare che la maggior parte degli spettatori utilizza i social media per informarsi", ha dichiarato Kathy Benjamin, SVP, Nielsen National Research Group (NRG). "Sfruttare il potenziale offerto dai social network sarà importante per entrare in contatto con il pubblico".

Mentre i titoli di coda finiscono di scorrere, vediamo sempre più spettatori parlare delle loro esperienze cinematografiche attraverso i social media. La conversazione continua anche dopo la fine del film. E questa è una buona cosa!

Per ulteriori informazioni sul rapporto, inviare un'e-mail a NielsenMoviegoingReport@nielsen.com.

it