Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Nielsen: Aggiornamento dei consumi: una battaglia ancora da vincere per i produttori cinesi

4 minuti di lettura | Marzo 2016

La domanda cinese di smartphone di prezzo superiore ai 2.000 yuan ha continuato a crescere, con un balzo dell'8,8% da gennaio a dicembre dello scorso anno, secondo l'ultimo studio di Nielsen Device Share (NDS), un prodotto di Nielsen in grado di monitorare la quota di marche e modelli di dispositivi intelligenti nel mercato totale e in quello di nuova attivazione.

Secondo lo studio, tra tutti gli smartphone attualmente in uso, la quota di mercato degli smartphone di fascia media e alta, che si riferisce agli smartphone con prezzo superiore a 2.000 yuan, è aumentata al 45,7% dal 36,9% del 2015. Al contrario, i telefoni con prezzo inferiore ai 2.000 yuan hanno subito una leggera contrazione della quota rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, a indicare che con l'aumento del reddito disponibile dei consumatori cinesi, questi sono più disposti a investire in dispositivi digitali di fascia alta.

"In Cina un utente trascorre 170 minuti con lo smartphone in un giorno, un tempo superiore a quello di altri dispositivi come TV e PC. Mentre un utente di smartphone apre in media fino a 30 diverse applicazioni mobili ogni giorno", ha dichiarato James Gong, vicepresidente di Nielsen China, "I comportamenti altamente coinvolgenti portano anche le persone a scegliere smartphone con prestazioni migliori".

A suo avviso, la tendenza alla premiumization continuerà, in quanto gli smartphone sono integrati nella vita delle persone in modo sempre più profondo.

"Un buon telefono non significa solo una migliore esperienza mobile, ma anche una migliore esperienza personale quotidiana. I consumatori sono disposti a pagare un extra per una migliore esperienza d'uso". Ha aggiunto James.

Il cambiamento del mercato richiede ai marchi nazionali di adottare nuove capacità

Lo studio ha rilevato che la quota di mercato dei marchi stranieri di smartphone con prezzo superiore a 2.000 yuan ha raggiunto il 38,03% del mercato totale nel dicembre 2015, mentre i loro concorrenti cinesi hanno rappresentato solo il 7,66%. Inoltre, considerando che la quota dell'iPhone è aumentata dal 25,4% al 30,3%, il mercato rimasto (che è Android e altri piccoli sistemi operativi) per i marchi nazionali è in realtà più ristretto.

"Con la progressiva saturazione del mercato cinese degli smartphone, un numero maggiore di smartphone viene acquistato solo per sostituzione, in netto contrasto con l'elevata domanda dei consumatori in passato. Inoltre, grazie al successo dell'implementazione della strategia "internet/commerce" e della strategia "value for money", la quota dei marchi nazionali è aumentata e le loro posizioni di mercato sono aumentate", ha dichiarato James Gong. "Tuttavia, tutti questi risultati hanno fatto sì che i consumatori cinesi diventassero più esigenti nell'acquisto di nuovi telefoni cellulari, i driver della crescita del mercato cambiano verso la premiumization e gli operatori devono adattarsi. Se non lo faranno, dovranno affrontare sfide sia in termini di margini che di quote di mercato". 

I produttori cinesi di smartphone puntano a scalzare i marchi stranieri

Nonostante il dominio dei marchi stranieri nei mercati di fascia alta, ci sono produttori cinesi vincenti.

Secondo il rapporto, Huawei, OPPO e vivo, tutti marchi cinesi, hanno visto un evidente aumento della quota di mercato degli smartphone con prezzo superiore ai 2.000 yuan nel dicembre 2015 rispetto ai dati di 11 mesi fa, con Huawei che è balzata al 2,13% dallo 0,34%, OPPO che è salita al 2,48% dall'1,37% e vivo che è salita all'1,64% dall'1,21%.

"Per soddisfare la crescente domanda di telefoni di fascia alta da parte dei consumatori cinesi, i produttori devono approfondire e soddisfare in modo proattivo le potenziali esigenze dei consumatori, ad esempio fornendo telefoni con funzioni di comunicazione, networking, shopping, intrattenimento, trasporto e pagamento migliori", ha dichiarato James Gong.

"Poiché gli smartphone sono fortemente integrati nella vita quotidiana dei consumatori, un marchio premium non si limita a fabbricare prodotti di qualità, ma garantisce anche una buona esperienza d'uso. Il riconoscimento del marchio non si basa solo su attività promozionali o sul semplice aggiornamento delle specifiche dei prodotti, come il miglioramento dei pixel della fotocamera o dei core della CPU".

Il rapporto ha dimostrato che i consumatori cinesi sono interessati al riconoscimento delle impronte digitali, alla ricarica rapida, all'elevata capacità della batteria, a queste funzioni e al miglioramento dell'esperienza utente. Il rapporto Nielsen ha rilevato che la quota di mercato degli smartphone dotati di tecnologia di riconoscimento delle impronte digitali è salita al 25% a dicembre dall'11,46% del 2015. La quota di smartphone dotati di batteria da 3000+mAh è cresciuta al 19,50% a dicembre dal 14,98% di gennaio 2015.

"In futuro, la loro domanda sarà più sofisticata e alla ricerca di una migliore esperienza d'uso; pertanto, come cogliere la domanda principale dei consumatori e creare prodotti che soddisfino le loro aspettative sarà fondamentale per il successo dei produttori di smartphone", ha dichiarato James Gong.

INFORMAZIONI SU NIELSEN DEVICE SHARE

Nielsen ha lanciato ufficialmente Nielsen Device Share (NDS) nel novembre 2015, in Cina, in collaborazione con TalkingData. Nielsen Device Share è in grado di tracciare la quota dei marchi e dei modelli di dispositivi intelligenti nel mercato totale (dispositivi in uso) e nel mercato di nuova attivazione (nuovi dispositivi attivi) per comprendere le tendenze di marchi, modelli e configurazioni. Inoltre, Nielsen Device Share è in grado di monitorare la struttura del mercato totale, di misurare le prestazioni dei nuovi modelli, di fornire il comportamento d'uso delle APP e i profili degli utenti, di analizzare il mercato dei nuovi dispositivi attivi e il potenziale energetico dei marchi, nonché di prevedere il volume delle vendite dei nuovi modelli, migliorando così il processo decisionale delle imprese.

NDS si basa su un panel di big data che comprende quasi 300 milioni di smartphone e sulla calibrazione scientifica dei dati, che riflette realmente il mercato degli smartphone per assicurarsi che i risultati siano accurati e rappresentativi, anche se le tabelle incrociate, il campione è abbastanza grande.

NDS viene aggiornato il 10 di ogni mese, il che consente di ottenere velocità e stabilità allo stesso tempo.