Passa al contenuto
Approfondimenti > Sport e giochi

La domenica del Super Bowl della NASCAR: La Daytona 500

4 minuti di lettura | Febbraio 2017

Nel freddo di febbraio, dopo la fine della stagione di football, un altro grande sport da spettatori porta il calore. A differenza di molti sport americani come il basket, il baseball, il calcio e l'hockey, la NASCAR dà il via a ogni nuova stagione con l'evento più importante dell'anno. Mentre in alcune parti del Paese regna ancora il gelo, gli appassionati di corse automobilistiche si riscaldano al sole della Florida e guardano le stock car che si contendono la posizione a quasi 200 miglia all'ora, cercando di evitare "il grande colpo". Oltre ai fan che si recano ogni anno al Daytona International Speedway, altri milioni di persone seguono la diretta televisiva comodamente da casa.

La Daytona 500 è uno degli eventi più prestigiosi dell'automobilismo sportivo, insieme alla 500 miglia di Indianapolis, al Gran Premio di Monaco e alla 24 Ore di Le Mans. Secondo SponsorLink di Nielsen Sports, la gara si colloca tra i 10 eventi sportivi più seguiti dagli americani, insieme al Super Bowl, alle World Series, alle finali NBA e alle Olimpiadi.

La Daytona 500 è una gara iconica e decisamente diversa che riunisce milioni di fan da tutto il mondo per assistere a uno dei principali eventi sportivi dell'anno. Quest'anno sarà caratterizzata da alcuni cambiamenti significativi, tra cui l'ingresso di Monster Energy come nuovo sponsor della serie e l'entrata in vigore di un formato di gara modificato.

"Come gara automobilistica più vista negli Stati Uniti, la trasmissione nazionale della 58ª edizione della Daytona 500 ha raggiunto quasi 20 milioni di persone nel 2016", ha dichiarato Peter Laatz, vicepresidente esecutivo di Nielsen Sports North America. "La gara ha rappresentato l'audience NASCAR più giovane dell'anno e quella più condivisa, con la metà dei telespettatori che l'ha seguita insieme a un'altra persona. Inoltre, ha registrato un aumento del 15% nell'audience delle persone che guardano fuori casa".

La NASCAR raggiunge i fan nelle grandi città e nei piccoli centri. Mentre New York City è stato il primo mercato televisivo locale per gli spettatori della Daytona 500 dello scorso anno in base alla portata delle famiglie, anche due mercati della Florida e le città di Charlotte e Indianapolis, fulcro delle corse automobilistiche, sono stati tra i primi 10 mercati.

Circoli sociali

La Daytona 500 è anche un evento sui social media, in grado di suscitare un coinvolgimento su tutte le piattaforme online. La gara dell'anno scorso è stata il programma televisivo più "twittato" nella data di messa in onda del 2016, con 439.000 tweet, con un aumento del 48% rispetto al 2015, secondo Nielsen Social. L'attività su Twitter ha raggiunto un picco di oltre 11.000 tweet al minuto quando i fan con le dita veloci hanno partecipato a un concorso per vincere una tuta antincendio indossata in gara dal 14 volte vincitore del premio Most Popular Driver della NASCAR, Dale Earnhardt, Jr.

Veicolo per l'esposizione del marchio

Con quasi la metà dei marchi Fortune 100 che investono nella NASCAR, i fan capiscono il ruolo che i finanziamenti delle sponsorizzazioni svolgono nelle prestazioni dei loro piloti e squadre preferiti. Secondo Nielsen Sports, la Daytona 500 è la gara che offre l'esposizione più preziosa per i marchi associati alla NASCAR, alla Daytona International Speedway e ai team che partecipano alla Monster Energy NASCAR Cup Series. Nielsen Sports ha identificato 196 marchi associati che hanno ricevuto un'esposizione in gara durante la Daytona 500 dello scorso anno. Secondo ilQuality Index (QI) Media Value di Nielsen Sports , tale esposizione ha avuto un valore di oltre 65 milioni di dollari.

Secondo Nielsen Sports SponsorLink, il 91% dei fan della NASCAR è propenso a considerare il marchio, il prodotto o il servizio di un'azienda in base alla sponsorizzazione, rispetto al 61% della popolazione generale. Inoltre, l'84% dei fan della NASCAR si sente fedele alle aziende che sponsorizzano un evento o uno sport, rispetto al 74% della popolazione generale.

Monster Energy, il nuovo sponsor di diritto della NASCAR Cup Series, è già in testa alla categoria degli energy drink tra gli spettatori della Daytona 500. Secondo una ricerca di Nielsen Scarborough, Monster Energy è stata la prima marca di energy drink scelta dagli spettatori della Daytona 500, con una percentuale del 31% rispetto alla marca successiva, e gli spettatori della Daytona 500 avevano il 15% in più di probabilità di aver consumato una bevanda Monster Energy nell'ultima settimana rispetto alla popolazione generale.

Anche altri marchi hanno riconosciuto la piattaforma di marketing che la trasmissione della Daytona 500 rappresenta. Nel 2016, la trasmissione nazionale della Daytona 500 ha visto la presenza di spot pubblicitari di 59 marchi diversi. Secondo Nielsen Advertising Intelligence, le aziende del settore automobilistico, della ristorazione e delle telecomunicazioni hanno rappresentato un terzo della spesa pubblicitaria totale a livello nazionale. I marchi automobilistici raggiungono i consumatori appassionati di auto attraverso la Daytona 500, con l'11% delle famiglie di telespettatori che possiedono quattro o più auto e il 7% che prevede di acquistare una nuova auto nel prossimo anno. Gli spettatori della Daytona 500 prevedono anche di spendere in media più soldi per i loro nuovi veicoli rispetto alla popolazione generale.

Questo potenziale di marketing non si concentra solo sui prodotti automobilistici. Anche i marchi di prodotti per l'outdoor, i rivenditori di articoli per il golf e i prodotti per la cura del prato si adattano bene agli spettatori della Daytona 500, dato che il pubblico è più propenso a pescare, giocare a golf e a curare il prato rispetto alla popolazione generale.

Per saperne di più sul consumo di media sportivi negli Stati Uniti, sulla pubblicità, sulle sponsorizzazioni e sul comportamento dei tifosi, è possibile scaricare il rapporto Year in Sports Media di Nielsen.

Metodologia

Le informazioni contenute in questo articolo derivano dai seguenti servizi Nielsen:

  • Nielsen NPower: Raggiungere P2+ utilizzando una qualifica di sei minuti. Daytona 500, 21 febbraio 2016
  • Nielsen Scarborough: in base al totale degli adulti statunitensi dai 18 anni in su che hanno dichiarato di aver guardato la Daytona 500 (agosto 2015 - novembre 2016).
  • Nielsen SponsorLink: Uno studio di monitoraggio nazionale e sindacato progettato per misurare l'atteggiamento e il consumo dei consumatori nei confronti di diversi sport e dei loro sponsor 2016
  • Nielsen Social: I Nielsen Twitter TV Ratings misurano l'attività totale legata al programma su Twitter. Daytona 500, 21 febbraio. 2016
  • Nielsen Advertising Intelligence, 21 febbraio 2016, TV nazionale
  • Nielsen Sport24 QI Media Value Daytona 500, 21 febbraio 2016