Passa al contenuto
Approfondimenti > Sport e giochi

Crescere e raccontare: con l'avanzare dell'età, i bambini cambiano il loro palato mediatico

3 minuti di lettura | Marzo 2015

Per la maggior parte dei genitori, i figli crescono troppo in fretta. Si trasformano da bambini che portano il pannolino a bambini di prima elementare che si attaccano a loro, fino a diventare adolescenti capricciosi in un attimo, chiedendo a gran voce l'indipendenza, la privacy e la possibilità di fare le proprie scelte.

Ma quando i giovani consumatori crescono, crescono anche le loro abitudini mediatiche. Un'analisi Nielsen ha infatti rilevato che, con il cambiamento cognitivo e di sviluppo dei giovani spettatori, cambiano anche le loro abitudini multipiattaforma. Questi cambiamenti iniziano spesso a verificarsi intorno agli otto anni, quando la curiosità, l'interazione sociale e gli interessi specifici iniziano a crescere nei giovani spettatori.

Il consumo di media da parte dei bambini, a seconda delle fasce d'età, è simile al passaggio dai piselli scolati all'argenteria: ci sono differenze nette nei gusti, nelle preferenze di visione e di ascolto, e persino nei confronti di chi li guarda.

Ad esempio, mentre oltre il 95% di tutti i bambini (2-17 anni) preferisce guardare la televisione tradizionale per oltre 20 ore settimanali - con i bambini ispanici che hanno una media di circa mezz'ora in più - l'analisi ha rilevato che i bambini e gli adolescenti più grandi si collegano di più al computer, dato che circa il 29% degli adolescenti di età compresa tra i 14 e i 17 anni è stato online tramite computer per almeno un minuto nel marzo 2014.

E man mano che i bambini avanzano nella fascia di età compresa tra i 2 e i 17 anni, la loro indipendenza è innegabile. Inoltre, l'incidenza del co-viewing diventa meno frequente su molte piattaforme.

Per quanto riguarda la TV tradizionale, l'analisi ha rilevato che il 75% dei ragazzi da 2 a 4 guarda in co-visione con qualcun altro in casa, ma la percentuale diminuisce costantemente con l'avanzare dell'età. Infatti, solo il 37% degli adolescenti tra i 14 e i 17 anni guarda la TV insieme a qualcuno in casa.

In termini di utilizzo dei dispositivi, i tablet sono più comunemente utilizzati dai ragazzi più giovani, che spesso usano il dispositivo di qualcun altro. Al contrario, la maggior parte dei ragazzi tra i 12 e i 17 anni usa il proprio smartphone. Ad esempio, nel 2014 l'80% degli adolescenti tra i 14 e i 17 anni ha utilizzato il proprio smartphone, e i social network sono stati uno dei fattori trainanti di questo utilizzo. Infatti, l'80% degli intervistati di 14-17 anni con un proprio dispositivo ha dichiarato di accedere a un social network, di navigare sul web o di utilizzare applicazioni, e il 90% di questo gruppo ha guardato video sui propri dispositivi!

Ma le differenze non esistono solo tra ciò che i bambini vedono. Esistono anche tra ciò che ascoltano.

Sebbene l'utilizzo della radio tra tutti i ragazzi sia ancora vicino al 90% tra i bambini di 6-11 anni e gli adolescenti di 12-17 anni, i contenuti ascoltati da ciascun gruppo sono notevolmente diversi. L'analisi ha anche rilevato che il co-ascolto è pervasivo e influisce sul tipo di contenuti consumati. Ad esempio, quando i ragazzi ascoltano con gli adulti, il 39% del loro tempo è dedicato ai formati contemporanei per adulti o alle hit contemporanee. Tuttavia, senza l'influenza degli adulti, quasi la metà (47%) del quarto d'ora medio dei ragazzi è dedicato all'ascolto di questi stessi formati.

Conoscere le preferenze dei bambini sia in termini di contenuti che di scelta dei dispositivi può aiutare i responsabili del marketing e i programmatori a determinare il percorso migliore per il potenziale ritorno sugli investimenti, nonché un modo per raggiungere direttamente i consumatori più giovani. Dopo tutto, come può un genitore dire di no a un bambino che chiede una scatola di cereali, l'ultimo giocattolo o un nuovo videogioco?

Metodologia

I dati sul consumo di media da parte di televisione e computer sono stati raccolti dal panel Nielsen National People Meter (NPM) e sono rappresentativi dei dati demografici statunitensi per età, razza ed etnia. I dati sul consumo di media da dispositivi mobili sono stati raccolti tramite un sondaggio telefonico rappresentativo specificamente progettato e condotto in lingua inglese e spagnola. I dati sul consumo radiofonico sono stati raccolti dal panel Nielsen Portable People (PPM). Tutti i dati erano conformi a COPPA e sono stati raccolti con il consenso dei genitori.