Passa al contenuto
Approfondimenti > Sport e giochi

I bambini e gli adolescenti del Regno Unito e degli Stati Uniti leggono per divertimento?

4 minuti di lettura | Novembre 2016

Dalla TV ai videogiochi, dai film alla musica, i ragazzi di oggi hanno a disposizione un'infinità di intrattenimenti e un numero crescente di dispositivi con cui possono connettersi in qualsiasi momento e ovunque. Ma che dire di una delle più antiche forme di intrattenimento: il libro?

Negli ultimi cinque anni, sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti, Nielsen Book Research ha esaminato le abitudini di lettura e di acquisto di libri da parte di bambini e ragazzi nel contesto delle loro più ampie attività di svago. Grazie a questi studi regolari e a eventi come il recente Nielsen Kids Book Summit negli Stati Uniti, abbiamo esaminato il ruolo che i libri svolgono nella vita dei bambini e abbiamo valutato come si comportano rispetto alla pletora di altre attività di svago, digitali e fisiche, che sono sempre più disponibili.

Nello studio condotto nel Regno Unito nel 2015, quasi due terzi dei bambini di età compresa tra 0 e 17 anni leggevano (o venivano letti) per piacere su base settimanale, due su cinque lo facevano quotidianamente e quasi tutti lo facevano almeno qualche volta. Tuttavia, la percentuale di bambini da 0 a 17 anni che legge settimanalmente è diminuita dell'1% rispetto all'anno precedente dal 2014 ed è scesa del 7% rispetto al 2012. Il calo è stato osservato sia tra le ragazze che tra i ragazzi ed è stato più marcato tra i bambini di età compresa tra i 3 e i 10 anni, con una diminuzione maggiore per i ragazzi di età compresa tra gli 8 e i 10 anni. 

Per la prima volta nel 2016, l'indagine annuale statunitense ha esaminato anche la percentuale di bambini che leggono (o a cui viene letto) per piacere. Su base giornaliera, poco più della metà di quelli di età compresa tra 0 e 12 anni e solo un adolescente su cinque lo fa, ma un incoraggiante 82% dei bambini legge su base settimanale e quasi la metà di tutti gli adolescenti. Infatti, su base settimanale, la lettura è stata la terza attività più popolare per i bambini da 0 a 12 anni (con la televisione al primo posto). Per gli adolescenti, la lettura come attività di svago si è collocata all'11° posto, ben dietro ad attività come i social network, guardare YouTube, guardare la TV, giocare su smartphone/tablet e giocare online o su console.

Nonostante l'ubiquità dei dispositivi di lettura digitale (oltre l'80% dei bambini americani ha accesso a uno smartphone e/o a un computer nella propria famiglia e più della metà ha accesso a un tablet), solo circa un bambino su cinque tra gli 0 e i 17 anni negli Stati Uniti utilizza attualmente gli smartphone per la lettura elettronica, mentre un terzo dei ragazzi tra gli 0 e i 12 anni e due adolescenti su cinque leggono su tablet. Il Regno Unito ha registrato livelli simili di e-reading nel 2015, con il 14% dei ragazzi tra 0 e 17 anni che utilizza uno smartphone e il 31% che utilizza un tablet, nonostante una percentuale molto più alta (79%) di ragazzi che hanno accesso ai tablet nel Regno Unito rispetto agli Stati Uniti.

Secondo l'indagine Books & Consumers di Nielsen, gli e-book rappresentano ancora una percentuale molto ridotta degli acquisti di libri per bambini sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti: attualmente l'11% negli Stati Uniti e circa il 5% nel Regno Unito (anche se il doppio per i soli acquisti di libri per giovani adulti). E mentre il numero di bambini nel Regno Unito che dichiarano di aver mai letto un libro digitale sta aumentando lentamente, la percentuale di coloro che dichiarano di averlo fatto o di essere interessati a farlo è rimasta costante a poco più del 60% dalla prima indagine sulla lettura dei bambini di cinque anni fa.

Per l'industria libraria, la domanda è: cosa potrebbe incoraggiare un maggiore utilizzo dei libri digitali e la lettura in generale? L'ultima indagine statunitense ha chiesto ai genitori e agli adolescenti quali fattori potrebbero aiutare. Mentre il 5% dei genitori ha risposto che non c'è nulla che possa incoraggiare i figli a leggere di più, quasi tre su cinque (59%) hanno detto che il genitore che legge con il figlio sarebbe d'aiuto. Anche la ricerca di libri più interessanti e una routine di lettura al momento di andare a letto sono state scelte popolari, mentre un sito web che mostra i libri per età e interesse è stato considerato l'aiuto più utile (dal 61% dei genitori) per trovare libri più interessanti da far leggere ai propri figli.

Gli adolescenti sono anche alla ricerca di libri più interessanti e i ragazzi di tutte le età hanno indicato i libri integrati con videogiochi e app come la cosa più probabile che li incoraggerebbe a leggere di più.

Questi studi approfonditi e regolari continueranno a monitorare l'impegno dei bambini nei confronti dei libri, integrando la misurazione del mercato dei libri per ragazzi fornita dai servizi di monitoraggio di Nielsen Book.

Per ulteriori informazioni, i dati dei libri di Nielsen sono in vendita nel Nielsen Store.